Che il ruolo dell’IT manager sia destinato a cambiare non ci sono dubbi in quanto la tecnologia non si ferma e sviluppa continuamente nuovi sistemi e nuove soluzioni.

Chi ricopre il ruolo IT, ha una responsabilità che lo obbliga ad evolversi continuamente in un’ottica di managerialità.  Proviamo allora a ragionare sul ruolo di manager, chiedendoci cosa ci si aspetta e cosa serve davvero oggi a chi si trovi a essere a capo di una struttura IT. Prima di tutto un’etica nei confronti dei fornitori in quanto, indirettamente, ingranaggi della stessa azienda di appartenenza dell’IT. E’ infatti oramai modus operandi, anche nelle aziende private, scegliere quei fornitori che sempre più ” prendono le scorciatoie ” per poter arrivare al tanto atteso contratto.  In secondo luogo deve saper gestire le persone che compongono il team in un’ottica di leadership finalizzata al loro empowerment, grazie al quale fa accadere le cose attraverso gli altri, non le fa , ma le ottiene.  In terzo luogo, se l’IT Manager è un problem-solver- e indubbiamente questa deve essere la sua prima grande competenza- la sua area di lavoro non è la risoluzione dei problemi tecnici, ma aziendali.

Per far questo deve imparare a comunicare a tutti gli interlocutori e poi deve avere voglia di ascoltare quegli stessi interlocutori per identificare e proporre nuove proposte di lavoro utili per l’obiettivo dell’azienda.

stefano staderoli

www.fotocopiatrici.biz